..::ARCHIVIO TESTUALE DI https://www.marotochi.it

DATA: 2021-05-12



Glovo, dati dei clienti in vendita nel dark web


I clienti del servizio di delivery Glovo potrebbero avere i propri dati e le proprie password esposti all'interno di un database in vendita sul dark web. Con ogni probabilità si tratta di una serie di dati recentemente trafugati dai sistemi del servizio e ora impacchettati per una monetizzazione diretta.

La scoperta è stata segnalata dai ricercatori Yarix e raccontata inizialmente da Bloomberg, secondo cui le informazioni sarebbero disponibili a chiunque sia disposto a pagare poco più di 80 mila dollari per far proprio l'elenco. Nel database vi sarebbero decine di milioni di utenti da tutto il mondo, con dati quali nome, password, IBAN ed altri dettagli. Secondo quanto emerso non vi sarebbero informazioni relative alle carte di credito correlate, aspetto che quantomeno tranquillizza i diretti interessati in termini di immediato pericolo.

Il valore del database è pertanto legato più che altro alla possibilità di sfruttare le informazioni con finalità truffaldine. Conoscendo nomi, mail e password, infatti, è possibile creare iniziative di phishing per tentare di affondare la truffa su un alto numero di utenti, contando sul fatto che in alcuni casi si riuscirà a reperire informazioni sulle carte di credito o estorcere denaro con l'inganno. Il prezzo richiesto per ogni singolo account è infatti minimale, proporzionato alla monetizzazione potenziale che eventuali malintenzionati potrebbero statisticamente portare avanti con queste informazioni a disposizione.

Yarix consiglia agli utenti di cambiare le proprie password Glovo e di assicurarsi che la stessa password non sia stata utilizzata anche per altri servizi online (soprattutto, che non sia la medesima del proprio account di posta elettronica).

di Giacomo Dotta


FONTE: https://www.punto-informatico.it

RAGGIUNGIBILE ALL'INDIRIZZO:
https://www.punto-informatico.it/glovo-dati-clienti-dark-web/